Le cause indice: Catastrofico tsunami 

in Indonesia...quali rischi nel Mediterraneo? Lo tsunami del 26 dicembre 2004

IntensitÓ di uno tsunami

 
Fig. 1: I danni provocati dallo tsunami del 1964 in Alaska.
(Credit: NOAA)

Per stabilire l'intensitÓ di uno tsunami si usa la scala Sieberg-Ambraseys, introdotta nel 1927 da August Sieberg e poi modificata da Nicholas Ambraseys nel 1962, che Ŕ adottata nei cataloghi europei e che viene qui riprodotta.

1. Molto debole. Onde deboli registrate solo dai mareografi.

2. Debole. Le onde sono notate solo dagli abitanti costieri che hanno esperienza di fenomeni marini. Vengono notate generalmente solo su spiagge molto basse.

3. Abbastanza forte. Osservabile quasi ovunque. Inondazione di spiagge basse e piatte. Piccole barche vengono trascinate sulla spiaggia. Danni lievi alle strutture che si trovano sulla costa. Negli estuari c'Ŕ inversione della corrente e risalita del mare lungo l'alveo dei fiumi.

4. Forte. Inondazione della costa fino a una certa profonditÓ. Leggera erosione alla base di strutture esposte. Argini e banchine sono danneggiati. Sulla costa le strutture leggere subiscono danni rilevanti, ma sono danneggiate anche le strutture pi¨ solide. Imbarcazioni grandi e piccole trascinate a terra o portate al largo. Le coste vengono ricoperte di detriti trascinati dalle onde.

5. Molto forte. Completa inondazione della costa per una certa profonditÓ. Moli e strutture solide vicino al mare danneggiati. Le strutture leggere sono distrutte. Forte erosione dei terreni coltivati. Le coste sono ricoperte di detriti e di pesci. Ad eccezione delle grandi navi, tutte le altre imbarcazioni sono trascinate a terra o portate al largo. Forti onde di marea ("bore" in inglese e "mascaret" in francese) risalgono gli estuari. Cantieri portuali danneggiati. Persone muoiono annegate. Onde di maremoto sono accompagnate da un forte boato.

6. Disastroso. Distruzione parziale o completa delle opere costruite dall'uomo, fino a distanza considerevole dalla linea di costa. Inondazione fino a grandi distanze dalla costa. Grandi navi molto danneggiate. Alberi sradicati o spezzati. Si contano molte vittime.

 

The Webweavers: Last modified Tue, 1 Aug 2006 14:09:35 GMT